Questo sito utilizza cookie per inviarti informazioni sulla nostra organizzazione in linea con i tuoi interessi/le tue preferenze e cookie di analisi statistica di terze parti anche per fini non tecnici. Se vuoi saperne di pi¨ o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Se accedi ad un qualunque elemento soprastante questo banner acconsenti all'uso di tutti i cookie.

RIMUOVI

Versione solo testo - Camera di commercio di Alessandria, 25 luglio 2017
Torna alla versione grafica - home

Firma digitale



Alessandria, 25 luglio 2017
Ultimo aggiornamento: 06.07.2017



Firma digitale



Contenuto pagina

La firma digitale è l'equivalente informatico di una tradizionale firma apposta su carta. La sua funzione è quella di attestare la validità, la veridicità e la paternità di un documento, come ad esempio una lettera, un atto, un messaggio o, di un qualsiasi tipo di file di dati (testo, immagini, musica, ecc.). Per questo suo valore, bisogna fare attenzione a non confonderla con altri strumenti simili definiti genericamente "elettronici", come ad esempio la firma autografa scansionata e conservata come immagine.

La firma digitale è infatti il risultato di una procedura informatica basata su un sistema di codifica crittografica a chiavi asimmetriche (una pubblica e una privata), che consente:

• la sottoscrizione di un documento informatico;

• la verifica, da parte dei destinatari, dell'identità del soggetto firmatario;

• la sicurezza della provenienza e della ricezione del documento;

• la certezza che l'informazione contenuta nel documento non sia stata alterata;

• la segretezza dell'informazione contenuta nel documento.

La corrispondenza fra una persona fisica e la propria chiave pubblica di crittografia viene garantita dal certificato digitale, emesso dall’Autorità di certificazione.

La legislazione italiana ha attribuito alla firma digitale lo stesso valore della firma autografa scritta, rendendo validi, ai fini di legge, documenti, atti e contratti realizzati e trasmessi tramite mezzi informatici e telematici. In particolare, l’art. 10, comma 1, del D.P.R. 28.12.2000 n.445 dispone che "Il documento informatico sottoscritto con firma digitale, (...) soddisfa il requisito legale della forma scritta e ha efficacia probatoria ai sensi dell'art. 2712 del Codice civile".

Sono state pubblicate, inoltre, da parte dell'AIPA, le regole tecniche che definiscono con precisione gli standard tecnologici da adottare (DPCM 8 febbraio 1999).

La firma digitale può essere apposta su qualunque documento informatico. Di seguito, a titolo esemplificativo, si riportano una serie di applicazioni pratiche:

• comunicazioni ufficiali con le amministrazioni pubbliche

• risposte a bandi e gare pubbliche

• moduli di richiesta di vario genere

• dichiarazioni fiscali e di altro tipo

• trasmissione di documenti legali

• rapporti contrattuali su reti aperte (Internet)

• fornitura elettronica di beni e servizi

• transazioni finanziarie

• identificazione e/o autorizzazione

• gestione di attività in gruppi/sistemi chiusi o a partecipazione controllata

• gruppi di lavoro e di ricerca transazioni personali.

LA CARTA NAZIONALE DEI SERVIZI (CNS)

La Carta Nazionale dei Servizi o CNS è un dispositivo (ovvero una Smart Card o una chiavetta USB) che contiene un “certificato digitale” di autenticazione personale. È uno strumento informatico che consente l’identificazione certa dell’utente in rete e permette di consultare i dati personali resi disponibili dalle pubbliche amministrazioni direttamente su sito web, come ad esempio, l’accesso ai referti medici sul sito web della propria ASL.

La CNS rilasciata dalle Camere di Commercio è un dispositivo integrato che consente, a chi ha una carica all’interno di un’impresa, di firmare digitalmente documenti informatici (bilanci, fatture, contratti, ecc.) e di accedere in rete ai servizi della Pubblica Amministrazione.

Inoltre consente, al legale rappresentante di un'impresa, di consultare gratuitamente le informazioni relative alla propria azienda contenute nel Registro Imprese:

  • Visura ordinaria, visura storica, visura artigiana e scheda società.
  • Modello di dichiarazione sostitutiva del certificato Registro Imprese
  • Statuti, atti e bilanci depositati
  • Situazione dei pagamenti del diritto annuale
  • Stato pratiche Registro Imprese (trasparenza amministrativa)

Con la CNS rilasciata dalle Camere di Commercio, è possibile inoltre, come privati cittadini, collegarsi via Internet al sito dell’Agenzia delle Entrate (http://telematici.agenziaentrate.gov.it), registrarsi senza dover digitare tutti i propri dati e accedere così al sito per verificare lo stato della propria posizione fiscale (condoni e concordati, versamenti, richieste di variazione di posizione, rimborsi, registrazione contratti di locazione di beni immobili, comunicazioni relative ai regimi fiscali agevolati e altro).

Il certificato digitale, contenuto all’interno della CNS, è l’equivalente elettronico di un documento d’identità (come il passaporto o la carta d’identità) e identifica in maniera digitale una persona fisica o un’entità. Viene emesso da un'apposita Autorità di certificazione (Certification Authority - CA) riconosciuta secondo standard internazionali, la quale garantisce la validità delle informazioni riportate nel certificato. Come i documenti cartacei, anche il certificato digitale ha una validità temporale al di fuori della quale risulterà scaduto.

NOTA IMPORTANTE:

non è possibile rilasciare CNS a soggetti sprovvisti di codice fiscale rilasciato dall'Agenzia delle Entrate.



Normativa di riferimento

Di seguito i principali riferimenti normativi che regolano la CNS e la firma digitale: 

- Decreto Legislativo 7 marzo 2005, n.82 – Codice dell'amministrazione digitale come modificato dal Decreto Legislativo 4 aprile 2006, n. 159 e dal Decreto Legislativo 30 dicembre 2010, n.235 (nel seguito referenziato come CAD).

- Decreto del Presidente della Repubblica 28 Dicembre 2000, n. 445 (nel seguito referenziato come TU).

- Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 30 marzo 2009, Decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 30 marzo 2009 - Regole tecniche in materia di generazione, apposizione e verifica delle firme digitali e validazione temporale dei documenti informatici.

- Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 "Codice in materia di protezione dei dati personali".

- Decreto del Presidente della Repubblica 2 marzo 2004, n. 117.

- Decreto interministeriale 9 dicembre 2004, Regole tecniche e di sicurezza relative alle tecnologie e ai materiali utilizzati per la produzione della Carta Nazionale dei Servizi.

- “Linee guida per l’emissione e l’utilizzo della Carta Nazionale dei Servizi”, Ufficio Standard e tecnologie d’identificazione, CNIPA, Versione 3.0, 15 maggio 2006.


Attualmente i dispositivi di firma digitale CNS emessi dalla Camera di Commercio di Alessandria, possono essere del tipo:

CNS SMART CARD

CNS TOKEN USB
 




Aiutaci a darti un servizio migliore
Valuta la qualitÓ dei contenuti di questa pagina


Ufficio di riferimento

Per informazioni rivolgersi a:

Firma digitale

Riferimento Addetti: F.Depetrini-D.Rolando Responsabile: Antonio Di Fazio
Indirizzo Via Vochieri 58 - 15121 Alessandria
Telefono 0131-313259-313335
PEC info@al.legalmail.camcom.it
E-mail Email firma.digitale@al.camcom.it
Orari da lunedý a venerdý: 08.30/12.30 - lunedý e giovedý pomeriggio: 14.30/16.30

[ inizio pagina ]