Questo sito utilizza cookie per inviarti informazioni sulla nostra organizzazione in linea con i tuoi interessi/le tue preferenze e cookie di analisi statistica di terze parti anche per fini non tecnici. Se vuoi saperne di pi¨ o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Se accedi ad un qualunque elemento soprastante questo banner acconsenti all'uso di tutti i cookie.

RIMUOVI

Versione solo testo - Camera di commercio di Alessandria, 24 aprile 2017
Torna alla versione grafica - home

Sanzioni e depenalizzazioni



Alessandria, 24 aprile 2017
Ultimo aggiornamento: 11.03.2013



Sanzioni e depenalizzazioni



Contenuto pagina

SANZIONI E DEPENALIZZAZIONE 


Il D.lgs. 31.3.98 n. 112 ha attribuito alle Camere di Commercio le competenze (che in passato erano dell’Ufficio Provinciale dell’Industria, Commercio e Artigianato - U.P.I.C.A.) relative ai verbali di accertamento emessi sia dalla stessa Camera di Commercio, sia da altri organi accertatori come Carabinieri, Guardia di Finanza, Polizia Municipale ed altri, per i quali non sia stato effettuato dagli interessati il pagamento liberatorio previsto dalla Legge 24.11.81 n. 689.

L’Ufficio Depenalizzazione esamina i processi verbali, valuta gli eventuali scritti difensivi del sanzionato, nonché le risultanze dell’audizione, se richiesta dall’interessato.

All’esito dell’istruttoria viene emesso un provvedimento che può essere:

- un’ordinanza ingiunzione con l’indicazione della somma da pagare, che può variare da un minimo a un massimo, secondo quanto previsto dalla legge;

- un’ordinanza di archiviazione.

 

I soggetti interessati

Le persone, fisiche o giuridiche, che hanno ricevuto un verbale di accertamento e che non hanno pagato nel termine previsto (60 giorni dalla notificazione del verbale) la sanzione in misura ridotta.
 

Cosa fare quando si riceve un verbale di accertamento

Chi riceve un verbale di accertamento può:

pagare la sanzione indicata nel verbale entro 60 giorni dalla notificazione del medesimo (in questo modo il procedimento si estingue);


oppure
presentare scritti difensivi alla Camera di commercio – Ufficio Depenalizzazione – chiedendo anche di essere ascoltato.

 

Come presentare lo scritto difensivo e la richiesta di audizione

Chi vuole contestare il verbale di accertamento può presentare uno scritto difensivo ed eventualmente una richiesta di audizione.

Lo scritto difensivo e la richiesta di audizione devono pervenire all’Ufficio Depenalizzazione entro 30 giorni dalla notifica del verbale.

L’ufficio esamina gli argomenti esposti nello scritto difensivo o acquisiti nel corso dell’audizione e, se ritiene fondato l’accertamento, determina l’importo della sanzione e ne ingiunge il pagamento all’autore della violazione; se invece l’accertamento risulta infondato, procede all’archiviazione degli atti.


Cosa fare quando si riceve un’ordinanza ingiunzione

Pagamento

L’ordinanza è un titolo esecutivo, quindi il trasgressore ha l’obbligo di pagare la somma indicata e le spese di procedimento entro 30 giorni dalla notifica .

Se nell’ordinanza è indicato il responsabile in solido, il pagamento va fatto o dal trasgressore o dall’obbligato in solido. Il pagamento effettuato dall’uno libera anche l’altro.

Entro 10 giorni dall’avvenuto pagamento, la ricevuta dovrà essere trasmessa alla Camera di Commercio secondo le seguenti modalità:

-consegnata direttamente all’Ufficio Depenalizzazione della Camera di Commercio di Alessandria, via Vochieri 58, 3° piano;

-inviata via fax al n. 0131/43186;

-inviata per posta all’Ufficio Depenalizzazione della Camera di Commercio di Alessandria, via Vochieri 58;

-inviata per posta elettronica al seguente indirizzo: depenalizzazione@al.camcom.it

 

Opposizione

Contro l’ordinanza ingiunzione di pagamento l’interessato può proporre opposizione davanti all’autorità giudiziaria competente (Giudice di Pace o Tribunale) entro il termine di 30 giorni dalla notificazione del provvedimento.

L’opposizione non sospende l’esecuzione del provvedimento, salvo che il giudice disponga diversamente.

Procedura di esecuzione coattiva

Decorso inutilmente il termine fissato per il pagamento dell’ordinanza ingiunzione, la Camera di Commercio procede alla riscossione delle somme dovute iscrivendo a ruolo i soggetti debitori e trasmettendo lo stesso al Concessionario per la riscossione. L’importo da riscuotere è aumentato delle maggiorazioni e degli interessi previsti per legge.

 

Modulo scritti difensivi

 

 


 


 

 




Aiutaci a darti un servizio migliore
Valuta la qualitÓ dei contenuti di questa pagina


Ufficio di riferimento

Per informazioni rivolgersi a:

Tutela della proprietÓ industriale - Sanzioni

Riferimento Giancarlo Carrara
Indirizzo Alessandria, via Vochieri 58
Telefono 0131 313244
PEC
E-mail Email depenalizzazione@al.camcom.it, Email info@al.legalmail.camcom.it
Orari da lunedý a venerdý: 08.30/12.30 - lunedý e giovedý pomeriggio: 14.30/16.30

[ inizio pagina ]