Questo sito utilizza cookie per inviarti informazioni sulla nostra organizzazione in linea con i tuoi interessi/le tue preferenze e cookie di analisi statistica di terze parti anche per fini non tecnici. Se vuoi saperne di pi¨ o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Se accedi ad un qualunque elemento soprastante questo banner acconsenti all'uso di tutti i cookie.

RIMUOVI

Versione solo testo - Camera di commercio di Alessandria, 24 aprile 2017
Torna alla versione grafica - home

Protesti



Alessandria, 24 aprile 2017
Ultimo aggiornamento: 21.03.2017



Protesti



Contenuto pagina

 

 

COS'E' UN PROTESTO

Il protesto è un atto pubblico attraverso il quale i pubblici ufficiali attestano il mancato pagamento di una cambiale, tratta, assegno bancario e postale o la mancata accettazione di una tratta.

 

 

IL REGISTRO INFORMATICO DEI PROTESTI

Il Registro Informatico dei Protesti è una banca dati nazionale dove sono inseriti tutti i nominativi dei soggetti nei confronti dei quali è stato levato un protesto.


La Camera di Commercio di Alessandria provvede alla pubblicazione ufficiale dei protesti nel Registro informatico dei protesti per la parte di propria competenza, cioè per la provincia di Alessandria.

Le notizie dei protesti sono conservate nel Registro Informatico dei Protesti per cinque anni dalla data di iscrizione. Il protesto è cancellato automaticamente decorsi i 5 anni dall'iscrizione.
 

 

COME CANCELLARE UN PROTESTO DAL REGISTRO INFORMATICO DEI PROTESTI PRIMA DEI 5 ANNI

Le Camere di Commercio hanno competenza a ricevere le domande di cancellazione dei protesti e a eseguire il provvedimento conseguente.
 

Prima dei 5 anni, infatti, è comunque possibile chiedere la cancellazione del protesto, se ricorrono le condizioni previste dalla legge (vedi modulistica più sotto).

Effettuata la cancellazione, il protesto si considera a tutti gli effetti come mai avvenuto (art. 4 comma 3 Legge n. 77/1955).

 

 



MODULISTICA E ISTRUZIONI


SALVI I CASI DI RIABILITAZIONE, ILLEGITTIMITA' O ERRONEITA' DEL PROTESTO, RETTIFICA PROTESTO ERRONEO, SMARRIMENTO DEL TITOLO, E' SEMPRE NECESSARIO PRESENTARE IL TITOLO IN ORIGINALE (vedi più sotto per cosa fare in assenza del titolo in originale) E IL RELATIVO ATTO DI PROTESTO (che è il foglio del notaio attaccato al titolo originale). Per l'annotazione di avvenuto pagamento dell'assegno si veda sotto quanto specificato.

 

PRECISAZIONE: i titoli, come sopra indicato, devono essere presentati all'ufficio in originale; l'ufficio non li trattiene, ma li restituisce subito (per questo motivo, i titoli originali non devono essere in alcun modo spediti per posta all'ufficio).

 

LE DOMANDE SOTTOELENCATE:

  • DI CANCELLAZIONE PER AVVENUTO PAGAMENTO
  • DI CANCELLAZIONE IN SEGUITO A RIABILITAZIONE
  • DI ANNOTAZIONE
  • DI CANCELLAZIONE PER ILLEGITTIMITA' O ERRONEITA' DEL PROTESTO
  • DI RETTIFICA PROTESTO ERRONEO

VANNO SEMPRE FIRMATE IN ORIGINALE DAL SOGGETTO PROTESTATO O, IN CASO DI IMPRESA, DA CHI HA IL POTERE DI FIRMA (in entrambi i casi allegando un documento d'identità del firmatario).

 

NEL CASO DI DOMANDA DI CANCELLAZIONE PER PROTESTO ILLEGITTIMO O ERRONEO, LA DOMANDA VA FIRMATA, A SECONDA DEI CASI (v. sotto) DAL SOGGETTO PROTESTATO,  DALL'UFFICIALE LEVATORE O DALL'ISTITUTO DI CREDITO (allegando sempre un documento d'identità del firmatario).

 

NEL CASO DI DOMANDA DI RETTIFICA PROTESTO ERRONEO, LA DOMANDA VA FIRMATA, A SECONDA DEI CASI (v. sotto) DALL'UFFICIALE LEVATORE O DALL'ISTITUTO DI CREDITO (allegando sempre un documento d'identità del firmatario).

 

  • DOMANDA DI cancellazione per avvenuto pagamento: per richiedere la cancellazione dal registro informatico di CAMBIALI e TRATTE ACCETTATE pagate entro 12 mesi dalla data del protesto;
  • dichiarazione di avvenuto pagamento DI CAMBIALI. Per documentare la data di avvenuto pagamento di CAMBIALI nel caso in cui la domanda di cancellazione sia presentata oltre i 12 mesi dalla data del protesto ma il pagamento sia avvenuto prima dei 12 mesi dalla data del protesto. VEDI NOTA PIU' SOTTO
 
  • DOMANDA DI cancellazione in seguito a riabilitazione: per richiedere la cancellazione dal registro informatico di protesti per i quali il Tribunale ha già emesso il decreto di riabilitazione: ASSEGNI (che non possono essere cancellati dal registro dei protesti prima che siano trascorsi 12 mesi dalla data del protesto) e CAMBIALI PAGATE OLTRE I 12 MESI DALLA DATA DEL PROTESTO. Per ottenere la riabilitazione occorre fare riferimento al Tribunale di residenza/sede legale (articolo 17 legge n. 108/1996). Per quanto riguarda il Tribunale di Alessandria cliccare qui ((cancelleria volontaria giurisdizione). Per poter ottenere la cancellazione del protesto per avvenuta riabilitazione occorre allegare alla domanda presentata alla Camera di Commercio la COPIA CONFORME DEL DECRETO DI RIABILITAZIONE (la copia conforme del decreto va chiesta al Tribunale)
 
  • DOMANDA DI Annotazione: per richiedere l´annotazione dell´avvenuto pagamento di ASSEGNI (gli assegni non possono essere cancellati dal registro dei protesti prima che siano trascorsi 12 mesi dalla data del protesto, ma nel frattempo è possibile far annotare l'avvenuto pagamento).
  • E' necessario l'assegno in ORIGINALE o fotocopia (fotocopia ammessa solo nel caso in cui trattasi di assegno recante la dicitura "non trasferibile"), il relativo ATTO DI PROTESTO e  la dichiarazione di avvenuto pagamento DELL'ASSEGNO. V. NOTA PIU' SOTTO
 

 

  • DOMANDA DI RETTIFICA PROTESTO ERRONEO. Gli ufficiali levatori e gli Istituti di credito, in caso di trasmissione di dati errati relativi al protesto, possono presentare istanza di rettifica alla Camera di Commercio, indicando in modo puntuale i dati del protesto che devono essere modificati:
  • modello per gli ufficiali levatori
  • modello per gli istituti di credito

 

NOTA: LE DICHIARAZIONI DI AVVENUTO PAGAMENTO E LE ATTESTAZIONI DI DEPOSITO VINCOLATO VANNO SEMPRE PRESENTATE IN ORIGINALE E ANTICIPATE DAL SOGGETTO CHE LE RILASCIA A QUESTO INDIRIZZO PEC: protesti@al.legalmail.camcom.it ; STESSA COSA PER QUANTO RIGUARDA LA DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE ALLA DOMANDA DI CANCELLAZIONE PER ILLEGITTIMITA' O ERRONEITA' DEL PROTESTO.

 

IN CASO DI ASSENZA DELL'ATTO DI PROTESTO (CHE E' UNITO AL TITOLO IN ORIGINALE) E' POSSIBILE PRODURRE, SEMPRE IN ORIGINALE, UNA DICHIARAZIONE DEL NOTAIO DI AVVENUTO PROTESTO.

 

 

 

COSA FARE IN ASSENZA DEL TITOLO IN ORIGINALE

 

Premesso che è molto importante che il debitore, all'atto del pagamento, si faccia consegnare il titolo in originale dal creditore, in assenza del titolo in originale, ci sono 2 strade:

Per la riabilitazione occorre fare riferimento al Tribunale: cliccare qui (cancelleria volontaria giurisdizione)

NOTA: è incerta la possibilità di esperire la procedura dell'ammortamento del titolo (nel caso di titoli smarriti, sottratti o distrutti) da parte del debitore, che potrebbe costituire una terza via di azione in caso di assenza del titolo in originale. Occorre rivolgersi direttamente al Tribunale presso la cancelleria volontaria giuridisdizione cliccare qui

 

 

 

***

 

 

 

ELENCHI

Per la richiesta di Elenchi: è prevista la fornitura degli Elenchi integrali mensili nazionali o provinciali dei nominativi protestati inseriti nel registro.

 

SERVIZIO VISURE
La visura protesti fornisce i dati dei titoli (cambiali ed assegni) per i quali è stato levato protesto negli ultimi cinque anni a carico di una data impresa e/o persona. Può essere attestata anche l´inesistenza di protesti.

Le visure sono rilasciate immediatamente presso:

  • La sede centrale della Camera di Commercio, via A. Vochieri 58, Alessandria
  • L´ufficio distaccato della Camera di Commercio sito in Casale Monferrato, corso Roma 197.

Si può consultare il registro informatico dei Protesti anche via internet previa sottoscrizione di apposita convenzione:


RIFERIMENTI NORMATIVI

D.L.G.S. n. 150 dell’1.9.2011 (artt. 12 e 13): Riduzione e semplificazione dei procedimenti civili di cognizione

Ministero delle Attività Produttive- parere del 3.3.2004: Registro informatico dei protesti 

Ministero delle Attività Produttive - Circolare del 19.3.2003: Cancellazione degli assegni

Ministero delle Attività Produttive - Circolare del 14.7.2003: Nuove norme  in materia di cancellazione dei protesti

Legge n. 273 del 12.12.2002 (art. 45): Modifiche alle norme sulla cambiale, sul vaglia cambiario e sui protesti cambiari

D.P.R. n. 298 del 28.11.2002: Regolamento sui servizi di bancoposta

Ministero Industria Commercio e Artigianato - Circolare n. 3512/C del 30.4.2001: Elenco causali rifiuto pagamento assegni bancari e cambiali

Ministero Industria Commercio e Artigianato - Circolare n. 3504/C del 21.12.2000: Attuazione del Registro informatico dei protesti – prime indicazioni

Unioncamere - Parere del 18.5.2001: Cancellazione protesto assegno

Decreto ministeriale n. 316 del 9.8.2000: Regolamento recante le modalità di attuazione del registro informatico dei protesti

Legge n. 235 del 18.8.2000: Nuove norme in materia di cancellazione dagli elenchi dei protesti cambiari

Ministero di Grazia e Giustizia - parere del 5.3.1998: Riabilitazione dei debitori per titoli cambiari protestati

Legge n. 108 del 7.3.1996 (artt. 17 e 18): Disposizioni in materia di usura

Legge n. 480 del 15/11/1995: Disposizioni urgenti in materia di finanziamento delle Camere di commercio

D.P.R. n. 290 del 3.6.1975: Regolamento di attuazione della L. 12 giugno 1973, n. 349, concernente modificazioni alle norme sui protesti cambiari

Legge n. 77 del 12.2.1955: Pubblicazione degli elenchi dei protesti cambiari

 

SENTENZE

Ordinanza CORTE COSTITUZIONALE n. 69/2005 (Onere di allegare all'istanza l'originale del titolo protestato)

Ordinanza CORTE COSTITUZIONALE n. 84/2004 (Cancellazione del protesto di assegno a seguito del pagamento entro il termine di dodici mesi)

Sentenza CORTE COSTITUZIONALE n. 70/2003 (Cancellazione del protesto di assegno)

Sentenza CORTE COSTITUZIONALE n. 151/1994 (Tutela del debitore incolpevole protestato)

Sentenza Cassazione Sez. unite n. 4464 del 25/02/2009 (poteri e legittimazione della magistratura ordinaria)

Sentenza Cassazione Civile sez. III n. 6609 del 12/03/2008 (cambiali perse dal creditore)

Sentenza Cass. Civ. n. 7495 del 20/03/2008 (responsabilità civile dell'ufficiale levatore in caso di erronea levata del protesto)

Sentenza Cass. Civ. sez. II n. 14277 del 19/06/2007 (autonomia dell'obbligazione cartolare dal rapporto causale)

Sentenza Cass. Civ. sez. II n. 14322 del 20/06/2007 (illiceità del patto di garanzia su assegni)

Ordinanza Tribunale di Pescara del 27/09/2007 (assegno dato in garanzia)

Sentenza Tribunale di Bologna sez. III civile n. 2598 del 12/02/2007 (protesto illegittimo di assegni - obbligo di pubblicazione da parte della Camera di commercio)

Sentenza Giudice di Pace di Bologna Sez. III Civile n. 623/07 del 30/12/2006 (assegni smarriti - obbligo di pubblicazione)

Ordinanza Tribunale di Bologna Sez. II Civile del 1°/12/2006 (assegno con firma contraffatta)

Ordinanza Tribunale di Bologna Sez. IV Civile e fallimentare del 9/11/2006 (falsità di titolo cambiario)

Sentenza Cassazione Civile Sez. I n. 14991 del 28/06/2006 (legittimazione passiva delle Camere di Commercio in materia di pubblicazione di protesti nel Registro informatico)

 

 

IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI

Il Codice di buona condotta per finanziamenti e credito al consumo: contiene le regole applicabili in particolare nel settore del credito al consumo ai "sistemi di informazioni creditizie", subentrati alle cosiddette "centrali rischi" private. Varato dal Garante per la protezione dei dati personali, è stato sottoscritto dalle associazioni rappresentative del settore con la collaborazione delle associazioni di consumatori.

Prescrizioni del Garante per la protezione dei dati personali del 30 ottobre 2008: informazioni commerciali: si possono trattare solo dati pertinenti

Prescrizioni del Garante per la protezione dei dati personali del 13 ottobre 2008: tutela dell'interessato nei casi di possibile omonimia

Provvedimento del Garante per la protezione dei dati personali del 2 febbraio 2006: aggiornamento e rettifica del dato inesatto

Garante per la protezione dei dati personali, newsletter 1-7 novembre 2004: assegni bancari e aggiornamento dei dati

Decisione del Garante del 7 febbraio 2002, newsletter 1-7 aprile 2002: il protesto cancellato dal Registro informatico dei protesti va cancellato anche dalle banche dati o archivi paralleli di analogo contenuto

 

 

 

 



DOCUMENTI
Regolamento per la gestione del registro
 




Aiutaci a darti un servizio migliore
Valuta la qualitÓ dei contenuti di questa pagina


Ufficio di riferimento

Per informazioni rivolgersi a:

Ufficio Protesti

Riferimento Alain Bocchio, Vilma Parassole 
Indirizzo via Vochieri 58
Telefono 0131 313350-284
PEC protesti@al.legalmail.camcom.it
E-mail Email protesti@al.camcom.it
Orari da lunedý a venerdý: 08.30/12.30 - lunedý e giovedý pomeriggio: 14.30/16.30

[ inizio pagina ]