Questo sito utilizza cookie per inviarti informazioni sulla nostra organizzazione in linea con i tuoi interessi/le tue preferenze e cookie di analisi statistica di terze parti anche per fini non tecnici. Se vuoi saperne di pi¨ o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Se accedi ad un qualunque elemento soprastante questo banner acconsenti all'uso di tutti i cookie.

RIMUOVI

Versione solo testo - Camera di commercio di Alessandria, 25 aprile 2017
Torna alla versione grafica - home

Contratti tipo



Alessandria, 25 aprile 2017
Ultimo aggiornamento: 28.08.2015



Tutela e regolazione del mercato



default image

CONTRATTI TIPO



Contenuto pagina

I contratti tipo sono schemi contrattuali,  predisposti al fine di prevenire l’insorgere di controversie tra consumatori e imprese nell'interpretazione e/o nell'attuazione dei rispettivi impegni in sede di adempimento contrattuale.

I contratti tipo sono particolarmente utili in quei settori in cui manca una disciplina o la stessa non è sufficientemente chiara o completa, in quanto garantiscono la trasparenza e l´equità delle clausole in essi contenute.

Le clausole inique o vessatorie sono le clausole che comportano, a carico del consumatore, un significativo squilibrio dei diritti e degli obblighi derivanti dal contratto (squilibrio normativo).

La vessatorietà  è accertata tenendo conto del tipo di bene o servizio, delle circostanze presenti al momento della conclusione del contratto e dell´insieme delle clausole contrattuali. Non si considera, invece, il semplice squilibrio economico, ad esempio l´adeguatezza del corrispettivo di beni o servizi che sono stati pattuiti. 
La materia delle clausole vessatorie nei contratti stipulati dai consumatori è disciplinata dal D.Lgs. 6 settembre 2005, n. 206 (c.d. Codice del Consumo).

La legge 580 del 1993 attribuisce alle Camere di Commercio, quali enti pubblici indipendenti e imparziali, importanti compiti di “predisposizione di contratti-tipo tra imprese, loro associazioni e associazioni di tutela degli interessi dei consumatori e degli utenti”, nonché di “promozione di forme di controllo sulla presenza di clausole inique inserite nei contratti”  al fine di garantire un mercato sempre più equilibrato e trasparente.

I contratti tipo delle Camere di Commercio, in quanto condivisi con i rappresentanti delle associazioni dei consumatori e delle imprese dei settori interessati  e sottoposti al vaglio di apposite Commissioni di cui fanno parte anche studiosi ed esperti, consentono di arginare  gli inconvenienti che si possono verificare quando vengono stipulati i cd “contratti standard”, ossia quei contratti - di solito predisposti unilateralmente dalle imprese - che in alcuni casi determinano uno squilibrio rilevante nei diritti e negli obblighi derivanti dal contratto laddove contengono clausole vessatorie per il contraente che vi aderisce.

Nell’ambito del Progetto “Iniziative a Vantaggio dei Consumatori” (art. 9 del Decreto 2 marzo 2006 del Ministero dello Sviluppo Economico) è stata realizzata - da Unioncamere in collaborazione con le Camere di Commercio - una banca dati nazionale dei contratti tipo, inserita sul portale  www.contratti-tipo.camcom.it, che è possibile consultare liberamente, contenente i contratti tipo elaborati in diversi settori: dal turismo al commercio elettronico, dall’edilizia alle locazioni,  nonché codici di condotta e pareri sulla presenza di clausole inique nei contratti.

 

Per saperne di più si può consultare il portale www.contratti-tipo.camcom.it



Aiutaci a darti un servizio migliore
Valuta la qualitÓ dei contenuti di questa pagina


Non ´┐Ż presente alcun ufficio di riferimento per questa pagina

[ inizio pagina ]